Enter Title






Quella fonte afrodisiaca de l’Avucatt

Quella fonte afrodisiaca de l’Avucatt

storia incredibile ma vera raccontata da Giorgio Roncari

 Questa è la più inverosimile storia che potesse capitare ad un paese in qualsiasi latitudine, una vicenda divertente successa agli albori del terzo millennio che, se non fosse vera, difficilmente si sarebbe trovata una mente capace di partorirla.
 Tutto cominciò a metà degli anni Ottanta, quando Armando Roncari, penna gradevole e garbata di casa nostra, sorpreso dall’apprendere che un’analisi batteriologica ne decretava la non potabilità, dedicò una novella al 'Funtanin de l’Avucat', quella caratteristica fonte posta fra le radici di un faggio sulla strada per Cabiaglio.
 Si trattava di quanto il Giuanin Viola, maturo narratore di cose andate, raccontava nelle lunghe serate invernali passate all’albergo ‘Corona’; ovvero che bere a quella sorgente era consigliato a chi volesse avere figli e del come avesse convinto un ingenuo ciclista della veridicità di tale affermazione. Si divertiva certo a riproporre un’antica e obliata diceria popolare, similare, del resto, all’altra che voleva l’acqua della Madonnina, un lenimento per i malati d’asma. Nel suo racconto, l’Armando, per discrezione, cambiò i nomi: l’Avvocato fu mutato in Notaio mentre il Giuanin si ritrovò nei panni del Cav. Bagaioni, stagionato perdigiorno.
 Trascorsero un paio d’anni e, indirizzati dal Municipio, due giornalisti, uomo e donna, si rivolsero al parrucchiere del paese cultore di vicende locali. Dovevano compilare un inserto dove si descrivevano i tesori nascosti dell’Italia minore. Parlarono del più e del meno e del vecchio palazzo dei feudatari Litta, argomento che però non incuriosì particolarmente i due inviati. Il discorso cadde allora, così per scherzo, sul ‘Funtanin de l’Avucat’ e sulle sue presunte qualità definite afrodisiache. A sentire tale parola, i reporter drizzarono le antenne, cavarono lapis e notes e presero appunti: “…ma dov’è…ma fa bene… ma lei la beve… e cosa ne pensa la gente…” – “…sta in tale località… così dicono i vecchi… no non ne ho ancora sentito il bisogno… è bello sapere che c’è…” e via di questo passo finché furono soddisfatti.
 Passarono alcuni mesi quando alla bottega del barbiere fece capolino una giovane coppia un po’ timorosa mostrando un opuscolo: “Ci hanno detto che lei può aiutarci – disse l’uomo –cercavamo la fonte afrodisiaca ma nessuno sa dov’è.” Il parrucchiere, quasi dimentico della storia, trattenendo a stento il riso, indicò la strada pregando i due di far loro sapere se avesse funzionato. Potere della stampa e di li a pochi giorni un’altra coppia si presentò dando così inizio alla leggenda e più passava il tempo e più la gente si fermava a riempire bottiglie.
 Era diventata ormai una fonte famosa tant’è che ad un certo punto anche ‘Italia 1’ chiese di poter fare un servizio televisivo ma il sindaco, responsabile in prima persona e timoroso dal fatto che l’acqua continuava ad essere ‘batteriologicamente impura’, declinò l’invito. Le sue apprensioni arrivarono fino a progettarne la chiusura, se non ché, una delibera della gestione del Parco Campo dei Fiori, la includeva nei suoi monumenti naturali da proteggere. Ne seguì un articolo di ‘Varesenews’, giornale on – line, nel quale veniva riportata una divertita intervista al barbiere del paese.
 Fin qui era giunta la storia, ed era già molto, se non che ci si mise la scienza ad indagare. Infatti, un giorno poco pri
ma del Natale 2002, via telefono, la Dott.sa Gorini giovanissima biologa dell’Università dell'Insubria di Varese, interpellò sempre lo storico parrucchiere per via di quella misteriosa fonte eccitante nelle vicinanze di Cabiaglio. Stava collaborando col Prof. Armocida, docente nonché storico stimato, per verificare in laboratorio la veridicità dell’antica leggenda, accennata anche in un manuale di fine Ottocento. Quanto prima avrebbero presentato i sorprendenti risultati delle analisi ad un convegno di acque sorgive in programma a Firenze.

 E così fecero ma non avevano fatto i conti coi giornalisti i quali, costatata la quasi unicità delle qualità della fonte ma soprattutto per l’argomento pruriginoso, si buttarono a pesce sulla notizia. Il primo a parlarne fu il ‘Corriere della Sera’, il massimo quotidiano del paese che il 12 gennaio 2003 fece sapere all’Italia intera che l’acqua della “… fonte della virilità di Cuvio era ricca di un mix di minerali compatibili con effetti afrodisiaci fino a una quantità di 12 microgrammi per litro…quali sali di litio, zinco e selenio, elementi in grado di rallentare l’invecchiamento dell’organismo e sostenere il desiderio”. Tre giorni dopo fu la volta de ‘Il Giorno’ a parlare di acqua che fa miracoli e di li a poco arrivò una troupe di ‘Verissimo’, la rivista giornaliera di ‘Canale 5’ la quale, assieme alla Dott.sa Gorini, intervistò, facendo non poca confusione, la gente di Cabiaglio.
 Al Municipio di Cuvio i telefoni divennero roventi perché, contrariamente a quanto affermato nel servizio televisivo, la sorgente continuava ad essere non potabile. Telefonarono un po’ tutti; la Asl di Cittiglio che esigeva chiarimenti; giornalisti che chiedevano interviste ed il Gabibbo che voleva uno scoop probabilmente per divertirsi. Il sindaco Furigo confuso, all’inizio smentì ogni cosa ordinando d’urgenza un’analisi, che confermerà la contaminazione, poi, nelle successive insistenti interviste, si limitò a ribadire con decisione la non potabilità dell’acqua accennando solo di sfuggita i presunti effetti eccitanti: del resto come potevano essere smentiti i risultati dei laboratori universitari?
 Di lì a poco si fece vedere la Dott.sa Gorini per conoscere gli sviluppi rimanendo perplessa nell’apprendere l’impurità della fonte. Questa bella ricercatrice varesina, assurta alla notorietà quasi per gioco, verrà poi contattata, per una serata al ‘Maurizio Costanzo Show’ assieme al Prof. Armocida. Non ne venne fatto nulla perché, dopo vari tentennamenti, i due ricercatori non se la sentirono di affrontare il palcoscenico ma ugualmente una collaboratrice dell’entourage del noto anchorman, contattò il barbiere di Cuvio per conoscere particolari e curiosità sul paese nonché le reazioni divertite della gente.
 Nei mesi successivi si scatenarono i mass media. Arrivarono troupe televisive: ‘Rai 3 Regione’, la ‘Televisione Svizzera Italiana’, ‘Tele Lombardia’, ‘Rete 55’ e altre emittenti locali. Quotidiani settimanali e riviste varie riempirono pagine e pagine su questa vicenda; ne scrissero ‘La Stampa’, ‘Stop’, ‘Grand Hotel’, ‘Visto’, ‘Ticino Oggi’, ‘Varesenews’, ‘Viversani & belli’, ‘Come stai’. Articoli più o meno impegnati apparvero su ‘Terra e Gente’, pubblicazione annuale della Comunità Montana della Valcuvia, su ‘Lombardia Nord Ovest’, periodico della Camera di Commercio di Varese. Chi, invece stranamente, non ne ha mai parlato è stata ‘La Prealpina’.
 Per descrivere le qualità della fonte, citata anche come ‘Signorina’ “per via della singolare posizione del zampillo d’acqua, sgorgante fra due immaginarie gambe di donna”, vennero usati gli aggettivi più disparati e roboanti: afrodisiaca, miracolosa contro l’impotenza, della virilità, della fertilità, purificante, curativa, al viagra, terapeutica, elisir d’amore, e fin anche “miscuglio esplosivo per garantire successi fra le lenzuola”. Vennero contattati i più svariati personaggi, da Jerry Calà a Lando Buzzanca ad Andrea Roncato.
  Si cercarono anche giudizi di medici e specialisti i quali, in generale, mettevano in risalto più l’effetto placebo, ossia la suggestione occulta della credenza popolare che non quello delle proprietà minerali, sali presenti in quest’acqua in micro quantità tanto da doverne bere delle cisterne prima di ottenerne un eventuale effetto. Ne parlò anche la rivista ‘XL – Extra Large’, bimestrale patinato del Varesotto, che fece un bel servizio nel quale si intervistava il “parrucchiere di Cuvio, appassionato di tradizioni e storia locale“ nel quale veniva finalmente citato l’ipotetico Avvocato che diede il nome a questa incredibile sorgente. Si trattava quasi certamente di “Giuseppe Napoleone Maggi, classe 1806, della rinomata casata cuviese, avvocato e pretore di Sarnico e Gallarate nonché, presidente delle Corti d’Assise di Milano e Pavia dal 1862.”
 Non si può dimenticare poi il traguardo volante predisposto dalla Pro Cuvio davanti alla fonte, durante la ‘Chiappucci day’, maratona ciclistica per amatori disputata nell’estate 2003, e tra i premi al vincitore, non poteva mancare un’ampolla del prezioso liquido; un modo simpatico e divertente per celebrare anche in paese l’inconsueta scoperta dell’acqua afrodisiaca. Così come tre anni dopo, sempre la Pro Loco, volendo partecipare alla Fiera di Luino per farsi pubblicità (e divertirsi) non trovò di meglio che offrire ai visitatori un bicchiere della portentosa bevanda e siccome a servirlo c'erano due belle ragazze del paese in minigonna, ne andarono parecchi litri.
 E così, cominciata con un ciclista credulone, questa storia termina con un ciclista trionfatore con l'aggiunta delle miss... Beh! finisce per modo di dire, perché, ogni tanto, qualche cronista curioso si fa vivo, magari nei periodi estivi di particolare calura, non trovando di meglio che riparlare di questa nostra 'sorgente quasi miracolosa'.
Articolo Precedente LUDOVICO CAVALERI ‘PICTOR EXIMIO’ MORTO IN CUVIO IL 31 DICEMBRE 1941
Prossimo Articolo ‘IGNOTI MILITI’ – LA GRANDE GUERRA VISSUTA IN VALCUVIA
875

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Messaggio:
x

Iscriviti alla Newsletter per restare sempre aggiornato

Inserisci la tua email qui sotto.
Riceverai solo una mail per ogni evento, no spam!


Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Pro Loco Cuvio