Enter Title






MADONA D’UR MUNT

MADONA D’UR MUNT

Poesia di Armando Roncari



Il pellegrinaggio al Sacro Monte di Varese che, da oltre 350 anni, si celebra ogni anno a maggio, ispira all’autore il paragone fra come si viveva questo momento di devozione ai tempi della sua infanzia, quando si partiva a piedi da Cuvio e la gente vi partecipava con particolare intensità e ai nostri anni, nei quali si sale al Sacro Monte con ogni comodità, ma pare quasi solo per ammirare le bellezze dell’arte e del paesaggio.  
Questa considerazione gli fa scrivere, nella quartina finale, come a nulla valgono le chiacchiere e i commenti artistici se poi nessuno recita più un’Ave Maria.
A dare l’ispirazione alla poesia era stato l’inaugurazione dell’affresco ‘Fuga in Egitto’ che, nel 1983, Renato Guttuso aveva fatto in sostituzione di quello seicentesco del Nuvolone e che tante polemiche aveva scatenato.
============================================

  Régordi che tanti ann fa
quand sevi un tusett vagabund
ai quattr’or partivum de ca
per naa a re Madòna dur Munt.

  In testa a re prucesiun
gh’eva “I tusann de Maria”;
purtaven a turno un cròsun
che gréév pusee ghe n’è mia.

  Peu vegneven i “Cunsurell”
vestì de griis e de negher;
pareven ammò tusanell
tant che cantaven alégher.

  Dopu gheva i “Cunfredèi”
drapegià de bianc e de ròss;
chi anzian , chi de mezz ,chi pivèi,
chi de gèsa e chi ‘n pòò baloss.

  Re Banda, de drè dur Priòòr
le sunava ogni quart d’ora: “
Mira i tò gent, bela Sciòra”, e “
Nunch voerum tucc’ ur Signòòr”.

  Intant ch’el sùdava ur Calvari
ur preved in di parament
cun vòòs fanada ur Rusari
el diseva insem a re gent .

1927: ritorno dal pellegrinaggio
 1927: il ritorno del pellegrinaggio a Cuvio
*************
  Adèss quanti ropp in cambià!
in machina fin’ar Musè
se po’ naa cun tranquilità:
l’è tropa fadiga naa a pè.

  Se poeu se va sù ‘n di capell
pian pian, intant se ciciara
de sport, de chést e de chéll,
de gent che ména e che spara.

  O pùùr,dòpu tantu parlaa
che n’han fai, e grand e pinitt,
se va su dima per vardaa
re grandiosa “Fùga in Egitt”

  d’ur Renato cuncitadin.
“L’è fort ur disegn, che culòòr,
ma varda che bèl ur asnin,
e che paas in facia ar Signòòr.”

  “O si, ma ‘l po’ mia intunàss
inséma cur rèst dur’ambient;
mi me par che ‘l fa tropp frecàss
ur Gottuso in mezz ar Ses'cent”.

  Tanti bei ropp. Ma daccorda
ma tutt sti ciacer varen mia
se pe nìsun se regorda
de dii un’Ave Maria.


1960: foto di gruppo davanti al Santuario

 

Articolo Precedente MARIO CAMPI PREMIATO CUVIESE DELL’ANNO 2016
Prossimo Articolo A ROMA IN BICICLETTA PER PORTARE A CASA L’INDULGENZA
2239

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Messaggio:
x

Iscriviti alla Newsletter per restare sempre aggiornato

Inserisci la tua email qui sotto.
Riceverai solo una mail per ogni evento, no spam!


Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2024 by Pro Loco Cuvio