Enter Title






MARIO CAMPI PREMIATO CUVIESE DELL'ANNO 2016

MARIO CAMPI PREMIATO CUVIESE DELL’ANNO 2016

Nei nostri paesi, quando  ancora assomigliavano a grandi famiglie, esisteva una gerarchia ben precisa tra le varie autorità: il sindaco e il parroco erano più o meno sullo stesso gradino poi  seguivano il notaio, l’avvocato, il dottore, il farmacista. Subito dopo queste eccellenze istituzionali o religiose si posizionava il portalettere: personaggio che, per via dell’attività itinerante  nelle strade del paese, era conosciuto da tutti con la naturale conseguenza di sapere tutto di tutti.
A Cuvio questa figura è stata rappresentata per oltre trent’anni da Mario Campi, classe 1931, conosciuto da tutti gli abitanti del paese semplicemente ed inequivocabilmente come “ur pustin”. Mario, cuviese doc, dal natio “Broletto”, iniziò a praticare questa mansione nel 1948, succedendo al padre e al fratello, quando ancora non esistevano i vari concorsi statali per accedere al posto. Sempre molto gentile e disponibile, ha portato nelle case non solo lettere e cartoline ma anche simpatia, cordialità e soprattutto una buona dose di umanità. Il giro di Cuvio a piedi e il servizio a Comacchio con la mitica Vespa 150 terminarono nel 1983, con la meritata pensione, ma il suo sorriso gentile con il garbato saluto sono sempre presenti a chi ha ancora l’occasione di incontrarlo.
Il suo impegno per la comunità cuviese è continuato poi con l’attività in giunta comunale (per 10 anni assessore) e l’animazione delle celebrazioni religiose come importante punto di riferimento della Schola Cantorum e del consiglio parrocchiale. Questo  corposo curriculum ha convinto l’amministrazione comunale e la Pro Loco a eleggerlo cuviese dell’anno 2016  per il servizio professionale e umano reso alla comunità di Cuvio, La proclamazione ufficiale è avvenuta durante la tradizionale gita-pranzo sociale che si è svolta Domenica 24 Aprile e che ha visto il numeroso esercito dei volontari del sodalizio cuviese ritrovarsi insieme per una giornata di divertimento . Durante il pranzo, il sindaco  di Cuvio, Luciano Maggi, e il presidente della Pro loco, Giovanna Mutterle, hanno consegnato al “pustin” Mario Campi una targa che cosi recita:
    “Non un semplice portalettere, ma "il postino" per antonomasia, preciso, affabile e gentile, degno della fiducia e del rispetto della gente di Cuvio e Comacchio, assessore per un decennio e già anima e mente della Schola Cantorum.”

Graziano Tenconi


Ci fa piacere riproporre quanto il 'Ropp de Bupp' scriveva sul Mario Pustin nel numero di gennaio 1976 e poi la poesia del luglio 1982 in occasione del suo pensionamento.

Re volta pasada em presentà chel cantun chi me chel riservà al dialet; ades ghe voeur parla de quaicoss che la poda interesa tucc. Em pensà de dedica l'articul ogni volta a un persunacc de Cüvi; ghe par na roba mia maa, vera? Ul prim di tucc a na su in di sti pagin chi, l'è Pustin de Cüvi, ul Mario Campi, che l'è senz'alter ul pustin püse in gamba al mund in dul sò miste. Quand tel vedet in gir cul sò capell e ul sò bursun di leter, te pòdet mia resist de na a dumandagh se ghè posta anca par ti. "Un'atim che vardi" el te rispund lü semper gentil in tan chel rüga dent. "Si si, và che ghè quaicos".
Se l'è ‘na fatura o un quai buletin de paga, el par che le sapia e te le dà me se ghe dispiases e l'è bun de dumandat anca scusa. Se invece l’è ‘na cartulina d'una quai sgarzulina o d’un quai fiö, el rid tutt, el dis ‘na batuda, el te pogia 'na man su la spala el te saluda e pö el và; e intant e’l se frega ul nas. L'è bel fas da la posta dul nost pustin, vidèl tücc i matin in gir par ul paes: la matina prest al Gabi, poeu Coort, vers des e meza a Roor e adrè a mesdì a Vig. Ormai l'urari dul pustin el san tücc, e tücc specen dimà chel mument. Lü el par che le sapia, el sfalza mia un minut, el cuntradis nisün e ie saluda tücc par nom. Ul dopu mesdì l’è pü interesant parchè ul Mario Campi el se ved mia in gir.

Quand sem metü adrè, un quai an fà,
a fa nüngh ur noster giurnalett,
tücc dacordi evum ben pensà
de met sù quai coss in dialett.

Ar mument gheva semper 'na quai puesia
dopo la roba r'è naia me r'è naia
parchè se sa, ghe vö la fantasia,
e 'na quai volta ghe l'em mia faia.

Ve rigurdì senz'alter s'em metù sü
la prima volta sur giurnalin,
un scritt che a tücc er ghè piasü;
l'eva ur ritratt dur Mario Pustin.

Disevum che l'eva 'na tradiziun videll
in gir cul sò bursun semper pien,
ghe disevum tanti bei paroll,
e scrivevum che ghe vörevum ben.

Ma ur temp de corsa er và,
anca se mia d’acordi l'è la gent,
e anca par ur Mario ghe rivà
ur temp di feri permanent.

L'è mia na roba de tücc i dì
vidè un pustin nà in pensiun,
e pö par chel paes chì
i Campi even 'na tradiziun.

Se l'è mia cent'ann poh ghe manca
che chel capel lì han metù sù
pustin l'èra ul sò pà e la sò mama anca
pö ur sò fradel e ultim lù.

Ades l'è in gir a fa la vita bela
chevezzà men figürin
cun ur giurnal sota sela
e dò penn in dur sacugin.

Ma anca se mò er ga pü de nà
a timbra leter e cartulin
par nungh de Cüvi er resterà
dimà e semper "ur Pustin!".

Articolo Precedente SUOR GIACOMINA PERUGGIA
Prossimo Articolo MADONA D’UR MUNT
2269

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Messaggio:
x

Iscriviti alla Newsletter per restare sempre aggiornato

Inserisci la tua email qui sotto.
Riceverai solo una mail per ogni evento, no spam!


Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2024 by Pro Loco Cuvio